.
Annunci online

dira
sogni di provenza


Diario


5 agosto 2009

Se bruciasse la città

D'estate le città sembrano ancora più città. Avverti il caldo appiccicoso dell'asfalto sotto i piedi, la puzza di sudore dentro i pullman affollati, i pedoni sono anime in pena che camminano a zig zag fra conducenti che bestemmiano in turco, pur essendo a Napoli, e nobildonne che invadono, con il loro piede n. 40, il cruscotto della macchina. Le fontanelle comunali sono oasi nel deserto, e tutti ci si riversa boccheggianti verso il mare, quello dichiarato non balneabile, perchè almeno là tir' o' poc' 'e vient.

D'estate la città fa schifo e il suo compito è essere disabitata. Svuotata nelle sue viscere vomitate fra Ascea e Praia a mare, il ventre di Napoli da convesso si fa concavo. E per chi Agosto lo trascorre all'ombra di un condizionatore "Settembre precipita addosso senza che ci siano stati mesi di cui avere nostalgia"

Dira augura buon viaggio a chi parte e buona permanenza a chi resta :)



Lei va :)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. città estate vacanze

permalink | inviato da dira il 5/8/2009 alle 11:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia     luglio        gennaio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
ArtLab
Agorà
Iniezioni di autostima

VAI A VEDERE

Dira's bookshelf
Il picchio, il merlo e il Chiù
AnnaLù
Loi
NanoNapoli
Coloro che hanno intrapreso il cammino
Alberto Francesco
Jo
La neomamma
Il signor Napolino
Vi presta i suoi libri





Neira  è attraverso lo specchio e quel che vi trovò
Neira  ha paura di dimenticare l'Aleph
Neira  si sporca le mani col carboncino
Neira  è riservata bellezza
Neira  è il non detto
Neira  ha pensieri scompigliati fra i ricci
Ne(i)ra  è la parte più autentica di ognuno di noi

L'immagine della toolbar è di Frank Juery.

Amo

l'odore del caffè la mattina presto
il mare
la cannella
fare l'amore sotto le coperte mentre fuori piove
leggere
l'infuso di melissa
i colori
le fotografie in bianco e nero
teneramente il tempo perso ogni volta che lo trovo
le sue mani
dondoli e amache
ficcare il naso fra le pagine di un libro nuovo
le decorazioni di Natale
i temporali estivi
il rosso
il camino d'inverno
il vin brulè
l'odore dell'erba bagnata
la facoltà la mattina presto quando è ancora deserta
le converse
addormentarmi fra lenzuola che sanno di pulito
camminare scalza; Daisypath Valentines tickers

CERCA