.
Annunci online

dira
sogni di provenza


Diario


23 gennaio 2010

A te

 

“C’è ricordo solo per un essere capace di attesa e di memoria”

H. Bergson

A te,

che il tuo numero di casa è stato il primo che ho imparato alle elementari,

che mi salutavi col sorriso da dietro le tende, la mattina presto quando andavo all’università, e mi accoglievi quando rincasavo la sera avvolta nella luce arancione della stufa, sembravi una figura del presepe,

che il tuo abbraccio era un perdersi nell’amore soffice,

che hai letto Gomorra e hai pianto per Gelsomina Verde,

che eri in ansia quando andavo a dare gli esami e condividevi la tua gioia con me quando sapevi che era andato tutto bene,

ho regalato degli Iris comprati al mercato e per te li pianterò questa primavera,

che mi chiamavi Capinera, come la protagonista del romanzo di Verga, per i miei capelli lunghi e mossi,

che ti ricordavi tutte le poesie a memoria come quando a Natale, spensierata come una bambina, recitasti Il Sabato del villaggio,

che generosa, custodivi il segreto del dono,

che eri una nonna beat,

che avrai pure avuto dei difetti, ma il fatto che adesso non me ne venga in mente neanche uno vorrà dire qualcosa.

Per te le sue parole:

Nulla è in regalo, tutto è in prestito.
Sono indebitata fino al collo.
Sarò costretta a pagare per me
con me stessa,
a rendere la vita in cambio della vita.

È così che è stabilito,
il cuore va reso
e il fegato va reso
e ogni singolo dito.

È troppo tardi per impugnare il contratto.
Quanto devo
mi sarà tolto con la pelle.

Me ne vado per il mondo
tra una folla di altri debitori.
Su alcuni grava l’obbligo
di pagare le ali.
Altri dovranno, per amore o per forza,
rendere conto delle foglie.

Nella colonna Dare
ogni tessuto che è in noi.
Non un ciglio, non un peduncolo
da conservare per sempre.

L’inventario è preciso,
e a quanto pare
ci toccherà restare con niente.

Non riesco a ricordare
dove, quando e perché
ho permesso che aprissero
questo conto a mio nome.

La protesta contro di esso
la chiamano anima.
E questa è l’unica voce
che manca nell’inventario.

W. Szymborska

Buon compleanno nonnì J




permalink | inviato da dira il 23/1/2010 alle 17:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia     agosto        luglio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
ArtLab
Agorà
Iniezioni di autostima

VAI A VEDERE

Dira's bookshelf
Il picchio, il merlo e il Chiù
AnnaLù
Loi
NanoNapoli
Coloro che hanno intrapreso il cammino
Alberto Francesco
Jo
La neomamma
Il signor Napolino
Vi presta i suoi libri





Neira  è attraverso lo specchio e quel che vi trovò
Neira  ha paura di dimenticare l'Aleph
Neira  si sporca le mani col carboncino
Neira  è riservata bellezza
Neira  è il non detto
Neira  ha pensieri scompigliati fra i ricci
Ne(i)ra  è la parte più autentica di ognuno di noi

L'immagine della toolbar è di Frank Juery.

Amo

l'odore del caffè la mattina presto
il mare
la cannella
fare l'amore sotto le coperte mentre fuori piove
leggere
l'infuso di melissa
i colori
le fotografie in bianco e nero
teneramente il tempo perso ogni volta che lo trovo
le sue mani
dondoli e amache
ficcare il naso fra le pagine di un libro nuovo
le decorazioni di Natale
i temporali estivi
il rosso
il camino d'inverno
il vin brulè
l'odore dell'erba bagnata
la facoltà la mattina presto quando è ancora deserta
le converse
addormentarmi fra lenzuola che sanno di pulito
camminare scalza; Daisypath Valentines tickers

CERCA